Siamo sempre esclusi da qualcosa e inclusi in qualcos’altro. Non possiamo essere ovunque, non possiamo essere con chiunque, bisogna fare delle scelte. E a volte sono gli altri a farle per noi – non ci possiamo fare niente. Basterebbe un esempio banale: siamo tutti in qualche gruppo Whatsapp ma – sicuramente – quelli stessi amici/parenti/conoscenti hanno qualche gruppo in cui non ci siamo. C’è qualcosa che noi non sappiamo. E lo stesso vale anche al contrario, ma è più facile per noi accorgerci e affliggerci perché ci sentiamo esclusi da qualcosa che accorgerci di quante volte noi ci siamo. E quante volte escludiamo gli altri?
Sentivo una ragazza lamentarsi: siamo sempre uscite tutte e cinque assieme, l’altro giorno sono andate a prendere una aperitivo in tre e a noi due ci hanno escluse.
Comprensibile rimanerci male? Probabilmente sì. Capita mai che succeda il contrario? Probabilmente anche.
Non è che ci si debba sempre muovere tutti insieme, sempre allo stesso modo. Non è che tutti i rapporti siano uguali e questo non implica (necessariamente) un minore affetto. Si può essere più a proprio agio a parlare di certi argomenti con qualcuno e non con qualcun altro, semplicemente. Si può aver voglia un giorno di vedere una persona e non un’altra – non per la voglia di escludere ma per una serie di coincidenze, per caso o per scelta, perché certi giorni va così.
Siamo sempre esclusi da qualcosa e inclusi in qualcun altro ma accade anche il contrario, e spesso ce ne dimentichiamo.

L’arrocco del riccio, 31 gennaio 2020

Da qualche tempo tra quello che è giusto e quello che voglio sto scegliendo quasi sempre quello che voglio, perché è divertente, perché mi piace – perché lo voglio. E lo so che a un certo punto probabilmente dovrò pagare il conto, magari mi sto perdendo per qualche istante di felicità effimera. Spero solo di ritrovarmi.

L’arrocco del riccio, 7 gennaio 2020

Di recente si sono avverati due miei desideri. Niente grandi cose, non il lavoro della vita, il grande amore, il viaggio del secolo o una grande scoperta però c’erano un paio di cose che speravo accadessero e sono accadute. E adesso che sono accadute so con assoluta certezza che non erano i desideri adatti a me, che sarebbe stato meglio non si avverassero anche se devo ammettere che probabilmente li desidererei di nuovo con la stessa forza e che non sono ancora pronta a rinunciarvi.
Per quest’anno vi auguro dunque che i vostri desideri si avverino. Volevo augurarvi di riuscire a desiderare solo ciò che è giusto per voi, ma forse anche qualche desiderio sbagliato ogni tanto non ci fa male. Volevo augurarvi che si avverassero solo i desideri giusti, ma forse ogni tanto che si avverino quelli sbagliati ci aiuta a capire cosa vogliamo davvero. Quindi quest’anno vi auguro che i vostri desideri si avverino ma che sappiate poi a un certo punto capire se quel desiderio era giusto o sbagliato per voi e trarne in ogni caso qualcosa di buono.

L’arrocco del riccio, 1 gennaio 2020

ragazza su un sentiero

Non è mica così semplice, mica così scontato, che solo perché si sa che una strada è quella giusta allora sarà quella che imboccheremo. Perché poi ci si mettono in mezzo un sacco di cose, tipo le paure e i desideri, e finiamo per prender decisioni che lo sappiamo benissimo che non sono giuste ma tant’è, in quel momento ci sembra meglio così – il gioco vale la candela.

E abbiamo meno scuse, perché fin quando non sappiamo qual è la strada giusta non possiamo rinfacciarci di aver preso quella sbagliata ma se lo sappiamo, quando lo sappiamo, con chi dovremmo prendercela se non con noi?

Sarebbe certo molto più semplice se il solo sapere che una strada è quella giusta, ci spingesse a percorrerla ma non è così e forse tutto ciò che possiamo fare è imboccare il sentiero facendo attenzione, essendo pronti – se necessario – a tornare indietro e prendendoci tutte le responsabilità delle nostre scelte.

 

“Prima o poi capirai, come ho fatto anch’io, che una cosa è conoscere il sentiero giusto, un’altra è imboccarlo.”  Morpheus

Guardando “Matrix” (1999)

L’arrocco del riccio, 6 settembre 2019

#film #matrix #wachowski #nonsonorecensioni